Concerto sinfonico

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

La Stagione Sinfonica del Teatro Lirico "Giuseppe Verdi" di Trieste, la cui programmazione ha riscosso ampio consenso di pubblico e di critica anche in occasione dei due pi¨ recenti concerti, propone un altro importante appuntamento musicale che si terrÓ venerdý 21 e domenica 23 ottobre a Trieste e sarÓ replicato sabato 22 ottobre a Pordenone.

L'Orchestra del "Verdi" sarÓ diretta dal M░ George Pehlivanian, libanese di nascita e statunitense di adozione, giÓ noto al pubblico triestino che l'ha applaudito anche in occasione della sua esibizione durante la Stagione Sinfonica di Primavera 2004. Attuale direttore artistico e musicale dell'Orchestra Filarmonica Slovena e direttore ospite della Orchestra Filarmonica d'Israele, Pehlivanian dirige molte delle pi¨ famose orchestre del mondo e sempre pi¨ spesso Ŕ impegnato nel campo della lirica in cui ha debuttato a Los Angeles in Carmen, a San Pietroburgo in Traviata, a Parigi in la Voix Humaine e debutterÓ a Napoli in Otello.

Il programma prevede nella prima parte l'esecuzione di due composizioni di Astor Piazzolla per bandoneon e orchestra: il Concerto Aconcagua, una felice sintesi tra ispirazione ispanica e ritmi sincopati del tango e della musica popolare argentina che esprime al meglio il suo estro creativo raffinato e talvolta malinconico, a cui farÓ seguito l'opera Quattro Stagioni, in quattro pagine, Verano porte˝o, Oto˝o porte˝, Inverno porte˝o e Primavera porte˝a, di straordinaria intensitÓ poetica ed invenzione melodica, dedicata alla cittÓ di Buenos Aires.

Solista impegnato al bandoneon, strumento particolare e variante argentina della fisarmonica, sarÓ il francese Richard Galliano la cui formazione artistica fu molto influenzata dall'incontro con Astor Piazzolla che lo indirizz˛ verso la scoperta delle proprie radici francesi. Per anni relegati al rango pi¨ basso della musica popolare, strumenti come il bandoneon e la fisarmonica nelle mani di Richard Galliano acquistano la molteplice sonoritÓ di un'orchestra, o il tono intimistico della musica da camera.

Nella seconda parte del programma, sarÓ eseguita la Sinfonia n. 3 in Mi bem. magg. op. 55 "Eroica" di Ludwig van Beethoven che apparve nel 1804 con il titolo "Sinfonia Eroica, composta per festeggiare il sovvenire di un Grand'Uomo" poi cancellato in occasione della proclamazione ad imperatore di Napoleone avvenuta il 2 dicembre 1804.

L'Eroica Ŕ definita una delle creazioni pi¨ alte del sinfonismo del grande compositore tedesco. Frutto di un lungo lavoro di elaborazione, revisione e trasformazione che dur˛ tre anni dal 1802 al 1804, pi¨ di ogni altra, questa composizione segna un'epoca nella creativitÓ beethoveniana ma anche in tutta la storia della sinfonia e della musica strumentale. Le proporzioni dell'opera e la ricchezza del linguaggio armonico, la compresenza di materiale di origine popolare e nobile come si fonde in una ricchissima ed abbondante tematica assolutamente nuova nella scrittura sinfonica di Beethoven. Ripartita in quattro movimenti, si apre con un Allegro con brio, cui fa seguito una solenne Marcia funebre in do minore, d olorosa riflessione sulle sofferenze umane, e uno Scherzo (Allegro vivace) per chiudersi con un Finale, Allegro molto costruito come un tema con variazioni e sviluppato con un crescendo di intensitÓ che cattura l'interesse, variazione dopo variazione.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!