Suoni del Mediterraneo

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Banca di credito Cooperativo del Carso

PROGRAMMA DI "SUONI DEL MEDITERRANEO"
II EDIZIONE FESTIVAL DI CONTAMINAZIONI TEATRALI

"Suoni del Mediterraneo" si unisce anche quest'anno a "Finestre del Mediterraneo", festival di musica d'altri luoghi, e conferma la sua vocazione verso le sperimentazioni che si basano sulla tradizione, l'incontro con le culture diverse, i generi "mescolati" di teatro d'attore, di figura, d'oggetti, d'ombre, di strada. Un programma attento e curato, per un festival che anche quest'anno ospiti artisti di prestigiosa fama che per la prima volta presentano il loro lavoro a Trieste.

GIOVEDI' 10 NOVEMBRE ORE 21.00
CASA DELLA MUSICA Via Capitelli 3

NORD Una storia di popolo
Spettacolo di musica e parole
Scritto e interpretato da Alessandro Berti

Sono nato a nord. Anche se italiano, il Mediterraneo l'ho visto per anni solo in vacanza. Per il resto del tempo, nei lunghi inverni settentrionali, ho vissuto tra nebbie, fabbriche e boschi. NORD racconta di una famiglia, di un trauma visto con gli occhi dei personaggi che lo vivono: un ragazzino sveglio e il suo cane, una madre fragile e diversa, un padre veemente.Un paesino di montagna, un suicidio tentato, il peso dell'apparenza e la voglia di libertà dei personaggi. Una storia di popolo come tante, che parla delle nostre radici, di amore, di follia.Lontani dalla leggerezza mediterranea, noi nordici portiamo sulle nostre spalle tutto il peso delle cose che ci accadono, senza che ci sia più né una famiglia, né una comunità per condividerlo. E di questo masochismo ne facciamo un eroismo. Solo guardando con verità dentro questo disastro potremo salvarci, trovando anche una chiave di dialogo con quel sud dove, per ora, continuiamo semplicemente a andare in vacanza. Questa 'Storia di Popolo' è un piccolo capitolo di un grande progetto narrativo-teatrale-musicale che sto scrivendo in questi mesi e che si chiamerà CONFINE.

Alessandro Berti

Alessandro Berti, attore, regista e drammaturgo, ha fondato la compagnia L'Impasto nel 1995. Ha scritto e diretto Skankrer, Home Balòm (1996), Terra di Burro (1997), Il mondo dei figli (1999), Trionfo Anonimo (2000), L'Agenda si Seattle (2001), Il Quartiere (2002), Psicoshow I (2003), Post it, Bar West (2004). Nel 2002 ha vinto il premio di drammaturgia Gherardo Gherardi col suo Teatro In Versi (Rivedere le stelle, La Riga, Simurgh-Poema delle Moltitudini). Dirige con Michela Lucenti la Scuola Popolare di Teatro a Udine. Attualmente vive a Roma.

INGRESSO OFFERTA LIBERA


SABATO 12 NOVEMBRE ORE 21.0
CASA DELLA MUSICA Via Capitelli
Cooperativa teatro laboratorio di Brescia

"SOTTO LA TENDA"
Vi racconto il mio Marocco

Regia di Mario Gumina
Animazione/Spettacolo condotto da Abderrahim El Hadiri
Scenografia: Stefano Rizzini

L'esperienza che proponiamo segue le suggestioni e i racconti di un attore marocchino e ripercorre i ricordi, gli oggetti e la storia di un mondo che si ricompone per un momento in uno spazio teatrale (sotto una tenda).

Il viaggio immaginario intrapreso dall'attore, viaggio che attraversa città, montagne e deserti, viaggio che ci porta a conoscere i tuareg e i nomadi, ad incontrare personaggi magici e dalle caratteristiche ben definite, e alla fine ad attraversare il mare, prende vita mediante l'utilizzo di terre colorate e di oggetti tradizionali della cultura araba. Gli oggetti prendono corpo come fisicità e memoria di una cultura, l'uso ne fa emergere il senso, il rito.

Si propone un dialogo recitato e condiviso con il gruppo ospite, immergendosi in suoni e profumi di una casa immaginaria.

La Cooperativa teatro laboratorio è una realtà artistica che produce spettacoli, realizza laboratori e percorsi formativi, organizza rassegne e festival nell'ambito del teatro per ragazzi. L'intercultura, il dialogo fra i vari linguaggi teatrali e artistici, lo scambio e la ricerca, sono i fondamenti del percorso e della storia della Cooperativa.

INGRESSO OFFERTA LIBERA


VENERDI' 18 NOVEMBRE ORE 21.00
TEATRO DELLA SOCIETA' GERMANICA DI BENEFICIENZA
Via Coroneo 15

Ingresso 7 €

L'ATLANTE DELLE CITTA
con ANTONIO PANZUTO
Scene e oggetti / ANTONIO PANZUTO
Luci / PAOLO RODIGHIERO
Suoni / ALESSANDRO TOGNON
Adottamento in Versi e Regia / VASCO MIRANDOLA
Collaborazione tecnica / GIANUGO FABRIS
Collaborazione alla sceneggiatura / PIERELISA FACCO

L'ATLANTE DELLE CITTÀ si sviluppa attorno ad una macchina scenica che si apre e si trasforma diventando aereo ad elica, bicicletta, lanterna magica, atlante di città dove si nascondono storie, personaggi, immagini. Appaiono cosi LE CITTÀ INVISIBILI, infilate nei cassetti, tra sportelli e nascondigli, città capovolte, immerse nell'acqua, appese a fili sottili e trasportate da cigolanti carrucole.

Si assiste allo spettacolo seduti sotto una tenda, una tenda del deserto che rende intensa e suggestiva la partecipazione degli spettatori che si trovano cosi, a viaggiare assieme a Marco Polo e ritrovarsi lontani, sulle rotte dell'Oriente...

Figura atipica nel panorama teatrale italiano, pittore, scenografo, scultore, Antonio Panzuto è un artista della scena che sfugge alle etichette. Le sue macchine teatrali sono abitate da oggetti e figure azionate a vista tramite grovigli di fili: produce così visioni secondo i segreti dettami di una drammaturgia pittorica che procede per affinità e corrispondenze più che per nessi logici o narrativi.


Sabato 10 dicembre ore 21.00

CASA DELLA MUSICA
IL TEATRO D'OMBRA CENGIZ ÖZEK
"L'ALBERO INCANTATO"

con Fabienne Altinok e Cengiz Ozek

"Il Teatro d'Ombra Cengiz Özek", fondato a Istanbul nel 1986, fa viaggiare il maldestro Karagöz, famosa marionetta d'ombra turca, e il suo pedante compagno Acivat, in tutto il mondo, senza che la lingua sia d'ostacolo nella fruizione di questi spettacoli visivi e divertenti, ricchi d'azione e poesia. Sullo schermo di tela bianca si stagliano le sagome di cuoio lavorato e dipinto secondo le tecniche tradizionali, ad animare le meravigliose ombre a colori del teatro d'ombra turco. Cengiz Özek è uno dei rari marionettisti turchi a costruire le proprie marionette e a scrivere gli spettacoli. È inoltre il fondatore e direttore artistico del Festival Internazionale di Marionette di Istanbul.

"L'Albero incantato", incentrato sul tema più che attuale della protezione dell'ambiente, presenta tutte le caratteristiche di uno spettacolo di Karagöz classico, poichè è stato concepito a partire da spettacoli d'ombra turchi del XVIII° e XIX° secolo rivisti e ridinamicizzati. È stato rappresentato più di 500 volte in prestigiosi festival internazionali.


SABATO 17 DICEMBRE ORE 21.00
CASA DELLA MUSICA
Via Capitelli 3

Fabbrica delle bucce-arte e spettacolo
Presenta

INCONTRI
Popoli contaminati
Di Barbara Sinicco

Con Paola Castellan, Sergio Pancaldi, Barbara Sinicco.
Musiche di Massimo Serli e Chiara Minca.
Voce: Alessandra Franco
Fisarmonica e violino: Fabio Zoratti

Questo spettacolo è la storia di alcuni incontri, di alcuni momenti cruciali di passaggio a un'altra epoca, di antiche culture sottomesse da altre, di religioni che cambiano, identità che si scontrano. Alcuni episodi, storici, o leggendari o d'invenzione, ci presentano la conquista o la distruzione di paradisi sognati da tutti i popoli del mondo, profezie e riti dove superstizione e religione si confondono, dove le identità si confrontano, lottano, perdono o vincono.

Conquistatori e conquistati, Islam e Occidente, paganesimo e cristianesimo, una storia dell'umanità segnata dagli incontri con qualcuno " diverso" da noi, la paura di perdere la propria identità, il nome di Dio sempre a cui aggrapparsi, lo stesso Paradiso da sognare.

L'Associazione Culturale "Fabbrica delle bucce" nasce a Trieste dall'incontro di artisti di diversa provenienza, dal teatro, al canto e musica popolare, al teatro di strada.

Attualmente la compagnia lavora sul territorio in progetti di teatro scuola, teatro scientifico, organizzazione festival, collaborando con Enti pubblici e privati. A livello nazionale ed internazionale ha presentato i suoi spettacoli a festival di teatro in Italia, Grecia, Turchia, Svizzera.

INGRESSO OFFERTA LIBERA


WORKSHOP TARANTELLA &
WORKSHOP DANZE SALENTINE

2-3-4 DICEMBRE

Workshop di tamburello -

Biagio Panico è il fondatore dell'associazione Novaracne, che da anni si impegna nella ricerca e nella divulgazione della musica popolare salentina, organizzando seminari, conferenze, concerti e rassegne. La sua azienda "Il Tamburello", dal nome dello strumento più importante della Pizzica Salentina, rispondendo all'intento di recuperare e riportare in vita una forma d'arte tradizionale che stava quasi scomparendo, quella della costruzione artigianale dei tamburelli, è un punto di riferimento a livello nazionale per tutti i suonatori di tamburello e i cultori della musica popolare.

Workshop di danze salentine -

Ada Metafune promuove la conoscenza e la pratica delle danze tradizionali salentine, in particolare la "pizzica-pizzica" o "pizzica de core", danza di corteggiamento basata su saltelli sincronizzati al ritmo dei tamburelli che sembrano marcare il ritmo del cuore, e la "danza scherma" o "danza delle spade" dove i danzatori si sfidano in una sorta di duello con i coltelli simbolicamente sostituiti dall'uso della gestualità delle mani e attraverso i movimenti delle braccia.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!