Il teatro e la rosa - musica ciacole e babezi

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Canzoni, storie, storielle e witz della tradizione popolare

In occasione delle imminenti festività natalizie e di fine anno, l'Assessore alle Politiche Sociali e per la Famiglia della Provincia di Trieste, Claudio Grizon ha voluto dedicare un pensiero anche agli anziani ospitati nelle case di riposo dei comuni di Muggia, Trieste e Duino Aurisina volendo offrire loro un momento di serenità e di festa.

"Anche quest'anno - ha sottolineato l'Assessore Claudi o Grizon - riproponiamo l'iniziativa "Il Teatro e la Rosa" con un programma ampliato e rinnovato dal titolo "Musica ciacole e babèzi".

"Si tratta - hanno ricordato l'Assessore Grizon ed il Presidente della Provincia di Trieste Fabio Scoccimarro - di un'iniziativa di solidarietà dedicata agli anziani che non possono recarsi a teatro e che non possono usufruire delle tante iniziative musicali e di intrattenimento che nel corso delle festività di fine anno vengono promosse sul territorio provinciale."

Infatti, dopo il successo riscontrato dall'iniziativa lo scorso anno, con otto appuntamenti in altrettante case di riposo della provincia di Trieste nelle prime due settimane di dicembre, quest'anno gli spettacoli saranno ben 20, a partire dal 6 dicembre fino l'8 gennaio 2006 e saranno ospitati, oltre che nelle case di riposo pubbliche della provincia di Trieste, anche nelle case di riposo della Diocesi, nelle parrocchie ed in altri centri di aggregazione.

Ulteriore novità dell'edizione 2005 consiste nell'inserimento del programma di una serie di coinvolgenti momenti musicali sul tema "Le canzoni alla radio" e di alcuni incontri con complessi bandistici.

Lo spettacolo itinerante di "Ciacole e babèzi", ideato dalla "Civica Scuola d'Arte Drammatica di Trieste", è incentrato su una serie di storie, storielle e witz tratti dalla tradizione popolare dal titolo "Chi ga pan no ga denti", un viaggio nella cultura culinaria di Trieste per una sua riscoperta attraverso il linguaggio teatrale.

"E' stato un'esperienza molto bella - ha proseguito l'Assessore Claudio Grizon - vedere gli anziani entusiasmarsi e partecipare agli stimoli offerti dagli attori della "Civica Scuola d'Arte Drammatica" che ha consentito loro di ritornare con i ricordi agli anni della loro gioventù ricordando i momenti più belli".

"Per queste ragioni - ha concluso il Presidente della Provincia di Trieste Fabio Scoccimarro - l'Amministrazione Provinciale ha voluto ampliare l'iniziativa sottolineando la sua sincera attenzione per i bisogni della popolazione anziana anche attraverso momenti di intrattenimento e festività."

L'iniziativa, aperta ai parenti degli ospiti delle case di riposo ed a chiunque avesse piacere di intervenirvi, vede gli stessi validi protagonisti della prima edizione: Maurizio Soldà, di cui sono anche i testi e la regia, e gli allievi della "Civica Scuola d'Arte Drammatica" di Trieste, Paolo Altin e Perla Rossini, affiancati dal musicista Toni Kozina e da un duetto d'eccezione, composto da un soprano e da un tenore per quanto riguarda la rappresentazione "Le canzoni alla radio".

L'itinerario nella storia, nella memoria e nella musica della tradizione popolare partirà il 6 dicembre alle ore 15.00 dalla Casa Don Marzari di Prosecco, per proseguire il giorno successivo alle 15. 30 alla Casa di Riposo F.lli Stuparich di Sistiana; la settimana successiva, il 13 dicembre si sposterà alle ore 15.30 alla Casa di riposo Comunale di Muggia, il 14 alle 16.00 alla Casa di Riposo San Domenico a Trieste ed il 15 alle 15.30 alla Casa di Riposo Suore Scolastiche Franc. Cristo Re.

Nel fine settimana, venerdì 16 dicembre l'appuntamento sarà presso la Sala parrocchiale Santa Teresa del Bambin Gesù alle ore 16.00, sabato 17 dicembre alle ore 15.30 presso la Casa Capon ad Opicina e la domenica 18 alle ore 16.00 presso la Casa di Riposo Domus Mariae ed alle 17.00 alla Scuola Media Roli di Borgo San Sergio.

La settimana successiva si aprirà con la rappresentazione alle ore 15.30 presso la Casa di Riposo Livia Ieralla in data 19 dicembre; il 20 ben due appuntamenti, il primo , alle ore 15.30, presso il Centro per l'Anziano - Casa Bartoli e l'altro, alle ore 16.30, all'Istituto Triestino per gli Interventi Sociali. Mercoledì 21 lo spettacolo sarà ospitato alle ore 15.30 al Centro Civico di Opicina, giovedì 22 al Centro per l'Anziano - Casa Serena alle ore 15.30 ed alla Fondazione Caccia - Burlo alle 15.00.

Dopo le festività natalizie, gli spettacoli riprenderanno martedì 27 dicembre alle 17.00 presso la Sala Conferenze della Casa parrocchiale di San Giacomo Apostolo e l'ultimo appuntamento del 2005 sarà nel pomeriggio di giovedì 29 dicembre alle ore 16.00 presso la Casa Emmaus e presso la Casa di Riposo Maria Basiliadis alle 17.00.

Il giorno dell'Epifania, lo spettacolo si terrà alle ore 15.30 presso la Casa Primavera ad Aquilinia e la succe ssiva domenica 8 gennaio presso il Palasport di Aquilinia alle 16.00.

SCHEDA ARTISTICA

IL TEATRO E LA ROSA 2005 - MUSICA CIACOLE E BABEZI

Canzoni, storie, storielle e witz della tradizione popolare
CIACOLE E BABEZI - "Chi ga pan no ga denti"

Nonostante il mutare dei tempi e dei gusti, la cucina dei tempi andati ha conservato immutati un po' ovunque il suo fascino e la sua suggestione. Non a caso, oggi riscontriamo una tendenza sempre più viva a risalire alle nostre origini attraverso la riscoperta delle gastronomie tipiche del passato e all'impegno sempre più diffuso di conservarle, valorizzarle e divulgarle dando vita a rubriche giornalistiche, testi, conferenze, convegni, ecc...

Lo spettacolo teatrale "Chi ga pan no ga denti" , usa il linguaggio teatrale per riscoprire Trieste attraverso le sue tradizioni culinari e. Lo spettacolo riflette le temperie socio - economiche che si sono avvicendate nel nostro territorio e che armoniosamente fuse tra loro hanno fatto la storia della nostra città ed apportato alla sua cucina ricchezza e varietà.

Greci, boemi, ungheresi, austriaci, turchi, slavi, friulani e veneziani hanno influenzato molti dei nostri piatti che ancor oggi troviamo nella quotidianità con i loro nomi originali quali kuguluf, palacinche, minestra de bobici, koch, ecc..

Quindi attraverso ricette, scenette, modi di dire e proverbi, precetti dietetici e curativi "sui generis" si dipana lo spettacolo culinario che farà rivivere agli spettatori un tempo passato che poi non è tanto passato.

Forse lo spettacolo finirà con "quattro salti in padella" , speriamo di riuscire a saltare nella padella e inventare così il nuovo ballo dell'estate 2006, mentre assaggiamo a bocca piena "do o anche quatro gnochi de susini".

LE CANZONI ALLA RADIO

Un duetto, composto da un soprano ed un tenore, accompagnati al pianoforte da Toni Kozina, presentano un programma incentrato sulla memoria musicale degli anni del dopoguerra. Ricreeranno le atmosfere dell'epoca, nella loro connotazione romantica e malinconica con canzoni quali "Non ti scordar di me", "Tornerai" e "Parlami d'amore Mariù" per poi passare a ritmi più briosi e scanzonati con "Bellezza in bicicletta", "Pippo non lo sa" e "Maramau perché sei morto". In tutto, una quindicina di canzoni che riporteranno i nostri anziani indietro nel tempo alla loro giovinezza.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!

+