Turandot

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Venerdì 2 dicembre alle ore 20.30 si alza il sipario del Teatro Lirico "Giuseppe Verdi" su Turandot ultimo capolavoro di Giacomo Puccini e opera tra le più rappresentate al mondo.

Così si inaugura, in serata di gala, la stagione d'opera e di balletto della Fondazione Lirica Triestina che sarà una stagione di prestigio all'insegna della tradizione e del grande repertorio operistico. Si spazierà da Mozart a Verdi, da Puccini a Rossini, a Massenet offrendo al pubblico una selezione di grandi capolavori musicali di tutti i tempi.

Turandot, assente dalle scene del "Verdi" dal 1999, ha sempre ammaliato il pubblico teatrale di tutto il mondo pur essendo tutt'altro che facile. Quest'opera musicalmente è la più complessa e avanzata del compositore che in essa inserisce l'ambientazione cinese utilizzando melodie autentiche ed altre mutuate dal repertorio orientale e adattate alla sensibilità occidentale del suo tempo. In questo contesto musicale si sviluppa il dramma incentrato sulle due figure di Turandot e Calaf che, rispetto al testo gozziano originario, sono lette in chiave novecentesca come un conflitto fra i due sessi che si ricompone nel segno dell'Amore.

In questa produzione triestina i protagonisti sono interpretati da due coppie artistiche di grande rilievo musicale: Andrea Gruber e Francesco Hong a cui si alterneranno Giovanna Casolla e Nicola Martinucci. Il ruolo della tenera schiava Liù, il personaggio più commovente dell'opera, è affidato a Eglise Gutierrez in alternanza con Latonia Moore. Nel cast figurano anche Carlo Striuli (Timur), Angelo Casertano (Altoum /Principe di Persia), Ping, Pang, Pong, rispettivamente Fabio Previati, Carlo Bosi e Enzo Peroni, Angelo Nardinocchi (un Mandarino) e le ancelle Carolina Arditi, Ondina Altran in alternanza con Vania Soldan e Alessandra Vavasori e inoltre, l'Orchestra e il Coro del Teatro Verdi, quest'ultimo preparato dal M° Lorenzo Fratini.

Lo spettacolo, interamente allestito dai laboratori scenografici e tecnici della Fondazione triestina, è rappresentato nella realizzazione visiva ideata da Renzo Giacchieri, che ne cura non solo la regia, ma anche le scene, i costumi ed il disegno luci e si avvale della direzione e concertazione del M° Daniel Oren che è anche il direttore musicale della Fondazione lirica triestina.

L'opera, che si realizza con il contributo della Fondazione CRTrieste, si rappresenta al "Verdi" di Trieste il 2, 3, 4, 6, 7, 9 e 10 dicembre per poi spostarsi in tournèe regionale prima a Pordenone il 16 dicembre, al nuovo Teatro Comunale "Giuseppe Verdi e poi a Udine il 21 dicembre, al Teatro Nuovo "Giovanni da Udine".

L'acquisto dei biglietti per Turandot e tutti gli altri spettacoli in cartellone per la Stagione Lirica e di Balletto 2005-2006 del Teatro Lirico Giuseppe Verdi, da martedì 29 novembre alla mattinata di venerdì 2 dicembre si può effettuare solo presso la Biglietteria della Sala Tripcovich con orario 9-12 e 16-19.

Negli stessi giorni e orari, la biglietteria del Teatro Lirico Giuseppe Verdi è aperta al pubblico solo per la campagna abbonamenti (ritiro degli abbonamenti già rinnovati o sottoscrizione di nuovi abbonamenti).

Nel pomeriggio di venerdì 2 dicembre - giornata in cui si inaugura al Stagione Lirica con la prima rappresentazione di Turandot - la biglietteria del Teatro Verdi è aperta per l'acquisto dei biglietti dalle ore 18 alle ore 21. La vendita dei Biglietti last minute (scontati del 50%) si effettua dalle ore 19.30 alle ore 20.30.

Maggiori informazioni sull'allestimento triestino a questa pagina.

Il LIBRETTO completo dell'opera lo trovate a questa pagina.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!