La bisbetica domata

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

"È giunto alla decima edizione il laboratorio Teatro Stabile dei Ragazzi, che quest'anno conduce alla messinscena dello shakespeariano La bisbetica domata completamente interpretata da allievi delle scuole medie inferiori. L'iniziativa - unica in Italia - è realizzata dal Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia e dalla Civica Scuola d'Arte Drammatica di Trieste. Lo spettacolo va in scena il 22 e 23 maggio al Politeama Rossetti, per Play.01".

È stata presentata alla stampa - nel corso di un incontro che si è tenuto venerdì 19 maggio al Politeama Rossetti - l'edizione 2006 del Laboratorio Teatro Stabile dei Ragazzi che si conclude quest'anno con la messinscena di uno spettacolo shakespeariano, La bisbetica domata.

La commedia - che andrà in scena al Politeama Rossetti lunedì 22 e martedì 23 maggio alle 10.30 - è inserito quest'anno nel programma della rassegna Play.01- novità teatrali del Friuli-Venezia Giulia, firmata dal Teatro Stabile regionale e dall'ERT.

Non è stata una scelta casuale quella di programmare lo spettacolo nell'ambito di Play.01: un modo di celebrare il significativo traguardo della decima edizione di questa singolare iniziativa e di dare riconoscimento - all'interno di una vetrina che raduna e promuove i maggiori talenti drammaturgici e attoriali della regione - anche al talento e all'impegno di chi affronta il palcoscenico per la prima volta e in giovanissima età.

Com'è noto infatti, il Teatro Stabile dei Ragazzi si rivolge agli allievi delle scuole medie, e - per educarli al teatro ed appassionarli al palcoscenico - li coinvolge in tutte le fasi di una produzione teatrale, di cui saranno poi i veri e soli protagonisti.

L'idea - che non ha eguali in Italia - nasceva dieci anni orsono e diventava realtà grazie alla collaborazione fra il direttore dello Stabile regionale Antonio Calenda, Rossana Poletti - ora presidente della Civica Scuola - e Maurizio Soldè, attore e regista cui costantemente è stato affidato il delicato compito della "formazione" dei ragazzi alla scena, oltre a quello si portare a compimento lo spettacolo finale in qualità di regista e autore degli adattamenti dei testi.

Dal 1996 ad oggi, dunque, ogni anno numerosi studenti della scuola media inferiore, seguito da operatori e tecnici nell'ambito di lezioni e incontri che si protraggono solitamente per alcuni mesi, hanno "giocato" al teatro costruendosi - attraverso la leggerezza e il divertimento - una notevole conoscenza delle diverse fasi della creazione teatrale. Si inizia dalle audizioni, poi, oltre all'analisi e allo studio del copione, oltre ad imparare i fondamenti della dizione, del movimento in scena, della costruzione di un personaggio, dell'interpretazione, i giovani allievi assistono infatti alla creazione delle scene e dei costumi, in alcune edizioni sono stati addirittura coinvolti in momenti di esecuzione musicale, di canto e di coreografie, conoscono i diversi momenti della promozione e giungono alla fine all'emozionante debutto. Lo spettacolo ogni anno è stato rivolto particolarmente al pubblico delle scuole ma non ha escluso il resto degli spettatori interessati, che possono acquistare il biglietto e applaudire il lavoro di questi giovanissimi attori.

Tracciando un sommario bilancio dei dieci anni d'attività, si evince che oltre 20.000 spettatori coetanei hanno potuto assistere alle imprese sul palcoscenico dei loro compagni di studi, impegnati in spettacoli sempre adatti alla loro età, educativi ma anche fantasiosi e divertenti. Dopo Il Bugiardo di Goldoni, con cui il Teatro Stabile dei Ragazzi ha esordito nel 1996, si è passati a Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, Pinocchio di Collodi, Alice nel paese delle meraviglie di Carrol, La storia di Bertoldo di Croce nella riduzione di Fulvio Tomizza, Il Gionalino di Gian Burrasca di Bertelli-Vamba, Oliver Twist di Charles Dickens proposto in forma di musical come il successivo Mary Poppins e infine il riuscitissimo Arlecchino servitore di due padroni di Goldoni.

Per l'edizione del decennale si è pensato ad un altro grande classico: La bisbetica domata di William Shakespeare.

La bisbetica domata è una commedia molto allegra e movimentata, adatta ad attori giovanissimi e a un pubblico che vuole divertirsi con eleganza. Come di consueto adattamento e regia dello spettacolo sono firmati da Maurizio Soldà che ha anche preparato i ragazzi all'andata in scena, coadiuvato - per il coordinamento del progetto nonché in veste di aiuto regista - da Rossana Poletti.

La celebre storia si svolge a Padova e racconta di due sorelle, figlie di un ricco mercante. La maggiore, Caterina, ha un pessimo carattere e tutti i giovani che potrebbero corteggiarla ne stanno invece alla larga. La sorella minore invece, Bianca, conquista per bellezza e soavità. Peccato che il padre delle ragazze voglia maritare Caterina per prima: solo dopo le nozze della primogenita i pretendenti di Bianca potranno farsi avanti. E così gli innamorati della sorella più piccola e dolce si disperano, finchè un giorno arriva Petruccio, disposto a sposare la terribile Caterina per accaparrarsi un'ottima dote e felice di cogliere la sfida di domare una donna tanto isterica.

Le nozze avvengono e la sposa si trasferisce con il marito: ovviamente Caterina ce la mette tutta per essere impossibile con Petruccio. Ma l'uomo non demorde, anzi inventa una serie di esilaranti manovre, attraverso le quali, in poco tempo, riesce a fare di Caterina una moglie docile e innamorata. E la sua apparizione, cambiata e gentile, alla festa nuziale della sorella, fa di lei una donna ammirata da tutta Padova.

La bisbetica domata si avvale di un affiatatissimo cast che ha lavorato con Soldà con molto impegno, soprattutto sull'interpretazione attoriale, concentrandosi sui modelli della comicità, sulla connotazione dei diversi caratteri, sul conflitto fra essi, sulla figura della bisbetica.

Nel ruolo della protagonista ammireremo Margherita Torre, contrastata dall'energico Petruccio di Giacomo Segulia. Massimiliano Vascotto è Hortensio, Paolo Cartago interpreta il servitore Gremio, Andrea Russi è Battista, la dolce Bianca avrà il volto di Gaia Bestagno. Marco Damele sarà applaudito nel ruolo di Astolfo, Nicola Pinzani sarà Biondello, Mathias Butul interpreta invece Lucenzio e Giulio Speranza, Tranio.

Regia e libero adattamento dello spettacolo sono firmati da Maurizio Soldà, le scene sono dello Stabile Regionale mentre i costumi sono stati realizzati dalle sarte Marina Arcion e Benedetta Schepis, le luci dello spettacolo sono a cura di Paolo Giovanazzi.

La bisbetica domata sarà al Politeama Rossetti lunedì 22 e martedì 23 maggio alle ore 10.30. Il prezzo dei biglietti sarà di €5 (Intero) con una riduzione a €3 per gli abbonati dello Stabile Regionale, del Circuito ERT e per gli Under 25, mentre particolari facilitazioni sono previste per le prenotazioni delle scuole..

Dopo La bisbetica domata la rassegna Play.01 proporrà in cartellone Destìs, intenso ed emozionante testo di Corrado Premuda interpretato da Sara Alzetta e Paolo Fagiolo dal 23 al 28 maggio. Gli appuntamenti di Play.01 - novità teatrali del Friuli-Venezia Giulia saranno in scena fino all'1 giugno 2006.

Informazioni, prenotazioni e biglietti riguardo agli spettacoli inseriti nel cartellone di Play.01 saranno fornite dai consueti canali di vendita dello Stabile regionale: la Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedì a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) e il Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19), presso le agenzie di Monfalcone (Agenzia Universal), Gorizia (Agenzia Appiani) e Udine (Associazione Culturale Udine Sipario), San Vito al Tagliamento (Medina) e presso le Agenzie del circuito Charta presenti sul territorio nazionale. Vendite telefoniche chiamando CallTicket allo 040.986.986.6 Informazioni e vendita anche sul sito www.ilrossetti.it. Per contattare il Teatro, tel. 040/3593511

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!