Indemoniate!

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

"Va in scena solo giovedì 18 maggio alla Sala Bartoli la presentazione del progetto Indemoniate! del Teatro Club di Udine: un itinerario teatrale a tappe che porterà in alcuni mesi alla realizzazione di uno spettacolo. Nel corso della serata si confronteranno sul tema delle Indemoniate di Verzegnis lo scrittore e giornalista Pietro Spirito, Giordano Bruno Traversa, l'autore Carlo Tolazzi e l'attore e regista Massimo Somaglino che proporrà una dimostrazione del lavoro condotto con alcuni allievi del DAMS di Trieste nell'ambito di Play.01".

Giovedì 18 maggio alle ore 21 alla Sala Bartoli, andrà in scena la presentazione del progetto Indemoniate! del Teatro Club di Udine. Si tratta della tappa "numero zero" di un itinerario teatrale che porterà - fra alcuni mesi - alla realizzazione di un vero e proprio spettacolo incentrato su un tema di grande suggestione. L'appuntamento - in una serata unica e da non perdere - è inserito nel programma della rassegna Play.01- novità teatrali del Friuli-Venezia Giulia, firmata dal Teatro Stabile regionale e dall'ERT.

Indemoniate! è un progetto di Riccardo Maranzana, Massimo Somaglino e Carlo Tolazzi che prosegue sulla linea poetica (già percorsa dal Teatro Club nelle ultime stagioni) di tradurre per il teatro vicende, figure e tematiche ricavate dalla geografia e dalla storia del territorio friulano e carnico, sottraendole all'oblio: scena della memoria e dell'impegno civile.

Al centro di questo nuovo progetto è un episodio della storia locale che già ha ispirato al giornalista de "Il Piccolo" e scrittore Pietro Spirito il bel romanzo Le indemoniate di Verzegnis e ha offerto a Luciana Borsatti materiale d'indagine per un saggio sullo stesso argomento.

1878: a Verzegnis - piccolo paesino carnico - esplode un misterioso fenomeno di "possessione" femminile che "contagia" prima sette ragazze per espandersi in breve a una quarantina di donne, fra i 17 e i 60 anni.

Le crisi - veri casi di istero-demonopatia - si esprimevano attraverso contorsioni, urla, imprecazioni, svenimenti, riso isterico, versi animaleschi... La Chiesa diagnosticò possessione diabolica e cercò di "curare" le donne con benedizioni ed esorcismi, per la comunità si trattò di stregoneria, lo Stato - su basi più scientifiche - classificò il fenomeno come malattia isterica e represse il fatto (dopo un anno di ripetersi delle crisi) internando con la forza una ventina di donne al manicomio di Udine.

Una reazione - quella della comunità, della Chiesa e infine dello Stato - di pura e ottusa difesa dal "diverso", che non risolse nulla e anzi soffocò ogni possibilità di comunicazione con le "indemoniate" e di comprensione reale e profonda del fenomeno.

In realtà le crisi potevano essere addotte a diverse e significative spiegazioni, di carattere sociale, religioso, economico, politico: la segregazione che segnava Verzegnis alla fine dell'Ottocento, le conseguenze della nuova collocazione nel Regno d'Italia, soprattutto le difficoltà economiche (gli effetti di una tempesta e di un cattivo raccolto costringevano gli uomini a cercare di lavorare altrove, lasciando alle donne un surplus di incombenze)...

Riportare all'attenzione del pubblico questo episodio storico - troppo a lungo celato o dimenticato - significa oggi oltre che darne una obiettiva ricostruzione, leggerne il significato profondo, cogliendone le induzioni e gli attualissimi contrasti fra ragione e follia, imposizioni del potere ed emersione anarchica del profondo, spirito apollineo e dionisiaco

Su tale linea si muovono gli ideatori del progetto, Riccardo Maranzana, Massimo Somaglino e Carlo Tolazzi, che una volta definito l'argomento dello spettacolo giungeranno a una definitiva concezione drammaturgia e scenica lavorando in modo "maieutico" in una serie di laboratori, passo dopo passo.

Play.01 - Novità teatrali del Friuli-Venezia Giulia ospita la tappa "numero zero" di tale itinerario teatrale: Massimo Somaglino e Carlo Tolazzi hanno lavorato per alcune giornate sui materiali legati a Indemoniate! con un gruppo di allievi del Dams dell'Università di Trieste e giovedì 18 maggio alle ore 21 un primo risultato del lavoro sarà offerto al pubblico assieme a una interessante presentazione del progetto. Vi prenderanno parte, quasi in forma di talk-show - oltre ai già citati Somaglino e Tolazzi - il giornalista e scrittore Pietro Spirito, Giordano Bruno Traversa, ricercatore e fondatore della disciplina Psychetrofica, Angela Felice, direttrice artistica del Teatro Club, aiutandoci ad analizzare questo avvenimento storico da differenti punti di vista.

I sottosuoni saranno di Claudio Parrino, Blinda De Vito cura il progetto del pupazzo.

Indemoniate! sarà alla Sala Bartoli del Politeama Rossetti soltanto giovedì 18 maggio alle ore 21. Il prezzo dei biglietti sarà di €1 (posto unico).

Dopo Indemoniate! la rassegna Play.01 proporrà in cartellone Destìs, intenso ed emozionante testo di Corrado Premuda interpretato da Sara Alzetta e Paolo Fagiolo in programma dal 23 al 28 maggio. Gli appuntamenti di Play.01 - novità teatrali del Friuli-Venezia Giulia saranno in scena fino all'1 giugno 2006.

Informazioni, prenotazioni e biglietti riguardo agli spettacoli inseriti nel cartellone di Play.01 saranno fornite dai consueti canali di vendita dello Stabile regionale: la Biglietteria del Politeama Rossetti (da martedì a sabato 8.30-12.30, 15.30-19) e il Ticket Point di Corso Italia (giorni feriali 8.30-12.30, 15.30-19), presso le agenzie di Monfalcone (Agenzia Universal), Gorizia (Agenzia Appiani) e Udine (Associazione Culturale Udine Sipario), San Vito al Tagliamento (Medina) e presso le Agenzie del circuito Charta presenti sul territorio nazionale. Vendite telefoniche chiamando CallTicket allo 040.986.986.6 Informazioni e vendita anche sul sito www.ilrossetti.it. Per contattare il Teatro, tel. 040/3593511.

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Spettacoli'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!

+