Musei di sera

Stai visualizzando una notizia archiviata. Eventuali date presenti in questa pagina possono far riferimento ad anni passati. Per le notizie correnti vai all'Home Page.

Giunta alla sua XII edizione, l'iniziativa "Musei di Sera" ripropone la formula delle aperture serali tutti i martedý ed i mercoledý di agosto ( dalle 20 alle 24 ), alla scoperta di nuovi stimolanti percorsi di visita e di svago fra i tesori storici ed artistici della cittÓ di Trieste.

La manifestazione si svolge nella collaudata "cornice" del Colle di S. Giusto, presso il Civico Museo di Storia ed Arte e l'annesso Orto Lapidario.

Gli itinerari di visita si snodano dunque dall'area archeologica dell'orto Lapidario e del Giardino del Capitano, alle sale espositive del Civico Museo di Storia ed Arte: dalla preistoria alla protostoria, dal mondo egizio a quello greco ed a quello romano, con una puntata nel Nuovo Mondo, nella sala delle Ceramiche Maya provenienti da El Salvador.

A fare da contrappunto alle visite guidate, un fitto calendario di concerti a tema nella cornice dell'Orto Lapidario, a cura della Casa della Musica-Scuola di Musica55, con inizio alle ore 21.

Ingresso intero: euro 2,00
Ingresso ridotto: euro 1,00

CONCERTI all'Orto Lapidario

Martedý 2 agosto - ore 21
Todos Juntos
Grandi classici dell'America Latina
Malecon
Piera Acone, voce
Roberto Dei Rossi, chitarra
Danilo Gallo, contrabbasso

Mercoledý 4 agosto - ore 21
Rachelle Garniez
Atmosfere downtown da New York
Rachelle Garniez, voce e strumenti
Martedý 9 agosto - ore 21
Transit
Percussioni dal mondo
Serguei Sapricheff, percussioni
Fernando Carlos Marcon, percussioni

Mercoledý 10 agosto - ore 21
Moritoki Nagisa
Musica tradizionale giapponese
Moritoki Nagisa, koto

Martedý 16 agosto - ore 21
Quartetto Juracamora
Andrea Bressan, fagotto
Roberto Gemo, chitarre
Carlo Canevali, percussioni
Saverio Tasca, vibrafono & elettronica

Mercoledý 17 agosto - ore 21
Le canzoni del cinema italiano
Giuppi Paone, voce
Carlo Cittadini, pianoforte

Martedý 23 agosto - ore 21
Marco Castelli Quartet
Marco Castelli, sassofoni
Ermanno Signorelli, chitarra
Giovanni Maier, contrabbasso
Mauro Beggio, batteria

Mercoledý 24 agosto - ore 21
Con Alda
Viaggio musicale nella lirica di Alda Merini
Silvia Donati, voce
Lucio Ferrara, chitarra
Paolo Ghetti, contrabbaso
Roberto Rossi, batteria e percussioni

Martedý 30 agosto - ore 21
A tavola con Rossini
Viaggio musicale-enogastronomico nel mondo di uno dei pi¨ grandi cuochi e musicisti della storia
Nicol˛ Ceriani, baritono
Reana de Luca, pianoforte
Corrado Travan, voce narrante

Mercoledý 31 agosto - ore 21
E quando che a Trieste?
Canzoni triestine e dintorni
Iztok Cergol, violino, fisarmonica, voce
Martina Feri, voce e pianoforte
Marko Feri, chitarra
Filippo Massa, chitarra
Irene Pelijhan, voce
Manuela Sapla, voce
Ornella Serafini, voce

San Giusto - Piazza della Cattedrale

All'alba di giovedý 11 agosto (ore 5.00 ca.)
Heliossea 2005
celebrazione estetica del sole nascente

Direzione artistica Alessandro Grego
a cura di Casa della Musica - Scuola di Musica 55

Hymn to the sun
Markus Stockhausen, tromba-flicorno
Tara Bouman, clarinetti
Angelo Comisso, pianoforte e tastiere
Alessandro Grego, progettazione software

Quest'anno il rituale appuntamento all'alba, che sposa luce e suono in una complice sinestesia dei sensi, giunge alla sua terza edizione. Ed ancora una volta l'evento si rinnoverÓ grazie anche alla prestigiosa partecipazione di musicisti di fama internazionale.

Saremo lieti ed onorati di poter ospitare Markus Stockhausen, Tara Bouman ed Angelo Comisso che interpreteranno la bellezza del cangiare della luce all'alba, traducendola in poesia musicale di rara bellezza. Guidati dalla direzione artistica di Alessandro Grego e dall'ambientazione acustica intermediale del suono surround realizzata dallo stesso, la loro musica questa volta trarrÓ spunto e si svilupperÓ, come una graduale efflorescenza, da un frammento musicale ellenistico risalente al secondo secolo d.C.; si tratta infatti del celebre Inno al sole di Mesomede di Creta, giÓ trascritto nel seicento da Vincenzo Galilei, padre di Galileo. E tale riferimento storico Ŕ un'altra occasione per ricordare che allora, come giÓ ai tempi di Pitagora ed ancor prima, pensiero musicale ed astronomico armonicamente si accordavano alla riflessione ed alla sensibilitÓ dell'intelletto umano.

Ingresso libero

Tutti gli eventi e comunicati della sezione 'Libri, Arte e Cultura'.

Hai trovato utile questa pagina? Condividila!

+